Ricevimento per i membri della Società di tiro Gusar, vincitori dell’argento europeo nella disciplina trap

Il sindaco della Città di Novigrad-Cittanova Anteo Milos con i collaboratori ha organizzato oggi un ricevimento per tre membri della Società di tiro Gusar, che facevano parte della squadra di tiro croata vincitrice della medaglia d’argento a squadre nella disciplina trap al recente Campionato Europeo a Larnaca sull’isola di Cipro (bersagli volanti).

In compagnia del sindaco c’erano la sua vice Vivijana Fakin, la presidente dell’Associazione sportiva di Cittanova Iva Olujić e l’assessore cittadino agli affari dell’ufficio del sindaco, affari generali e attività sociali, Alen Luk.

La squadra composta dai tre membri della Società di tiro Gusar, con la quale il sindaco ha voluto congratularsi per il grande successo ottenuto, era composta da Francesco Ravalico, membro del gruppo che ha vinto l’argento, Valter Cernogoraz, team leader ovvero caposquadra del tipo rappresentativo nella disciplina trap, nonché presidente della società Gusar, e c’era anche Giovanni Cernogoraz, l’olimpionico “d’oro” e il più premiato atleta di Cittanova, che però – per caso – non ha partecipato alla conquista della medaglia d’argento all’CE. Vale a dire, Giovanni si è recato a Cipro come membro della nazionale, ma per problemi di salute non ha potuto partecipare, quindi Ravalico, che si è recato all’Europeo per gareggiare nella competizione individuale, è “rientrato” in nazionale all’ultimo minuto. “Per tutti noi, una tale svolta degli eventi è stato un po’ uno shock, ma ci siamo ripresi in tempo, siamo arrivati in finale e abbiamo vinto l’argento”, ci è stato riferito da Francesco.

In questa occasione è stato anche possibile sentire come oltre a Francesco abbiano preso parte alla conquista dell’argento i fratelli Anton e Josip Glasnović, e come i giocatori della nazionale croata siano stati grandi anche nelle qualificazioni, tanto bravi che anche due di loro sarebbero stati in finale se si sarebbe trattato di partecipazioni individuali – Josip Glasnović e Ravalico. Si è iniziato con i 22/25 di Josip Glasnović, che non sembrava promettere bene, ma il vincitore olimpico di Rio ha tirato 50/50 nei successivi 50 colpi e grazie all’ultima serie di qualificazioni dell’infallibile Ravalico si sono assicurati un posto in finale. Josip Glasnović e Ravalico hanno segnato 72/75 e Anton Glasnović ha segnato 70/75. Nelle qualifiche si sono piazzati al secondo posto assoluto con 214 piattelli, dietro agli italiani, che ne avevano 215, e davanti a inglesi e tedeschi, che hanno vinto la medaglia di bronzo con 213. In finale il nostro trio ha giocato contro gli italiani De Filippis, Resca e Ferrari. In testa c’era De Filippis, che nelle qualificazioni ha ottenuto una prestazione di 73/75. La finale è stata girata con il sistema di una serie, in cui ogni tiratore tira 5 colpi per due punti e, in caso di parità, tutti ottengono un punto. Il punteggio finale è stato di 6:2 per l’Italia.

La nazionale croata in questa stagione, in formazione con Cernogoraz, senza Ravalico, ha già vinto medaglie: il primo posto ai Mondiali di Lonat e il terzo posto ai Mondiali di Baku. In questa stagione, il Montenegro ha vinto l’oro individuale ai Mondiali di Konyjita, in Turchia, e l’argento ai Mondiali di Nicosia.

I membri della società Gusar affronteranno ora il campionato nazionale a Osijek (9-11 settembre), dove gareggeranno nelle competizioni senior e junior, seguito dal campionato del mondo, sempre a Osijek, che concluderà il calendario di quest’anno delle principali competizioni di tiro.

E soprattutto, questo fine settimana ospiteranno l’ultima tappa, la finale della Lega istriana, al loro poligono di tiro a Businia, quindi è un’opportunità per i nostri concittadini e tutti gli altri di venire a sostenere e salutare i membri della Società Gusar e i loro eccellenti risultati sportivi.

Skip to content