Segnato l’inizio del neo-ristrutturato centro multimediale

Il termine del pluriennale progetto è stato contrassegnato oggi da una piccola cerimonia. Trattasi della ristrutturazione dell’ex sala del cinema di Cittanova trasformata in un moderno centro multimediale, che porterà il nome di Centro per le manifestazioni e la cultura (CMC). È anche il nome della nuova istituzione, con sede nell’ex cinema, che in futuro gestirà lo spazio e i contenuti che si svolgeranno qui, così come altre manifestazioni ed eventi in città.

Il sindaco di Cittanova Anteo Milos ha fatto le veci del padrone di casa e al suo invito hanno risposto, tra gli altri, l’autore del progetto di massima dell’edificio l’architetto Idis Turato e il proprietario dell’impresa di costruzione Kamgrad alla quale sono stati affidati la ricostruzione e la ristrutturazione dell’edificio, Domagoj Kamenski, erano presenti anche il presidente del Consiglio cittadino Vladimir Torbica e la vicesindaco Vivijana Fakin nonché i rappresentanti di aziende e istituzioni che hanno partecipato o aiutato nella preparazione e nella realizzazione di questo progetto impegnativo.

– Abbiamo preparato a lungo questo momento solenne nella speranza che le misure Covid avrebbero consentito un programma più ricco e completo e la sala piena per l’apertura del nuovo centro culturale. Purtroppo, le grandi cerimonie non sono permesse, ma con questo evento abbiamo voluto ringraziare tutti coloro che sono stati una parte importante del progetto e che lo hanno portato a termine insieme, ha detto nella sua introduzione il sindaco Anteo Milos, ricordando che la realizzazione del progetto è durata più di 10 anni, dal momento di stesura del progetto fino ad oggi. “Come cittanovese, che ha trascorso molti momenti della propria infanzia in questo edificio, mi sento felice e orgoglioso. Credo che anche altri cittanovesi, che sono legati dai ricordi a questa sala, condividano lo stesso senso di orgoglio e soddisfazione per la riapertura della sala del cinema ristrutturata. È un luogo sinonimo di cultura, socializzazione e divertimento. Sono contento anche come sindaco, perché dopo un lungo periodo di tempo, restituiamo alla città e ai suoi cittadini, questo spazio per la cultura nel pieno del suo splendore” ha sottolineato Milos, concludendo con le parole: “Noi la nostra parte di lavoro l’abbiamo fatta, ora è il momento che in scena entrino gli altri e con i contenuti e i programmi diano il pieno senso a questo progetto.”

Si sono rivolti ai presenti anche Domagoj Kamenski, Idis Turato e Vladimir Torbica, esprimendo tutti grande soddisfazione per il termine del progetto ma anche per il risultato finale.
La piccola cerimonia è stata conclusa con la proiezione di un cortometraggio che ha ricordato la cronologia delle opere di restaurazione della sala del cinema trasformandola nel CMC. Simbolicamente per questa occasione è stata preparata una torta, tagliata poi congiuntamente da Milos, Torbica, Kamenski e Turato.

Sono stati annunciati i primi programmi che si svolgeranno negli ambienti del CMC durante la seconda metà di dicembre. Saranno destinati per lo più al pubblico giovane e ai bambini, dagli spettacoli teatrali fino ai momenti con Babbo Natale, poiché il periodo natalizio è il preferito dei bambini e in questo periodo pandemico triste si voleva rallegrare i concittadini più piccoli.
Molti altri programmi, sia per bambini che per adulti, dal cinema al teatro, eventi musicali e concerti, a vari altri contenuti culturali e di intrattenimento, dovrebbero cominciare all’inizio del 2022, quando il CMC inizierà ufficialmente con il lavoro. Speriamo che le circostanze epidemiologiche siano più favorevoli, per utilizzare al meglio questo nuovo spazio cittadino, destinato a vari contenuti sociali, e farlo diventare un luogo di ritrovo per i cittanovesi, ma anche per tutti gli altri- è stato riferito durante la cerimonia.

Skip to content